Venerdì, 27 Maggio 2016 08:29

Corso di Meditazione

Written by WM3
Rate this item
(0 votes)

Introduzione alla Meditazione

La meditazione è una pratica fondamentale del cammino yogico, ed ha lo scopo di metterci in contatto con la nostra natura divina, di farci realizzare che siamo una cosa sola con l’Amore Infinito che pervade tutto l’Universo. Attraverso la pratica regolare della meditazione, si sperimenta un senso di pace interiore e di benessere generale che rende la nostra vita più viva.
E’ importante però capire che i primi tempi la pratica della meditazione tende a rimuovere i blocchi interiori causati dalle paure, dalla rabbia repressa, e dai complessi psicologici che impediscono alla nostra anima di manifestare la sua luce nella mente. Quindi può accadere che nei primi mesi della pratica di meditazione, il nostro umore ed i nostri stati emotivi, abbiano degli sbalzi; possono affiorare diversi ostacoli - mal di schiena, mal di gambe, mente inquieta, debolezza, sonnolenza, mal di testa, ecc. Il cuore può essere pronto, ma il corpo e la mente non lo sono. Ciò è causato appunto da questo processo di purificazione mentale indotto dalla meditazione, ed è normale. Purtroppo molte persone credono che la meditazione serva a rilassarsi, appena percepiscono un disagio emotivo, tendono a smettere la meditazione.
Le posizioni yoga (asanas), possono aiutare a superare questi ostacoli. Con la pratica regolare delle asanas - stretching, potenziamento, equilibrio, respirazione e concentrazione dell’ energia su punti particolari del corpo - questi problemi possono essere superati e siamo in grado di sederci per la meditazione sentendoci rilassati, vigili, calmi e concentrati.

 IscriviTi ora 


Calendario 2017/2018

Date: da definire

Meditazione di Gruppo:
Domenica dalle ore 19.00 alle ore 21.00 . Ingresso Libero

Luogo:
via Prandina, 11 e 25

Per ulteriori informazioni contattare la segreteria.


VOLANTINO


Tecnica di Meditazione

La tecnica di meditazione spiegata qui di seguito prende il nome dal Mantra Babanam Kevalam e una volta che l'hai imparata puoi tranquillamente insegnarla ai tuoi amici. La tecnica si divide in diverse fasi: preparazione, ritrazione, concentrazione e ideazione.

Preparazione

  1. Siediti nella posizione per la meditazione e chiudi gli occhi.
  2. Per qualche istante percepisci le sensazioni del corpo e cerca di rilassare le tensioni.
  3. Comincia a prendere consapevolezza del tuo respiro e limitati ad osservarlo senza cercare di modificarlo, lascia che fluisca con il suo ritmo naturale. Continua ad osservarlo per un paio di minuti.

Pratiyahara (ritrazione)

  1. Adesso focalizza la tua attenzione sulle gambe ed “ascolta” le sensazioni che hai in questa parte del corpo rilassando eventuali tensioni. Continua così per un paio di minuti (Figura).
  2. Dimentica le gambe e sposta l’attenzione nella zona dell’addome (pancia e parte bassa della schiena, Figura). Ascolta le sensazioni di questa parte del corpo per un paio di minuti rilassando eventuali tensioni..
  3. Dimenticati ora dell’addome e passa al torace (petto spalle e parte alta della schiena, Figura), ascolta le sensazioni e rilassa le tensioni per un paio di minuti.
  4. Infine dimentica anche il torace e porta la tua attenzione nella testa (Figura) e di nuovo ascolta le sensazioni che hai qui e rilassa per due minuti.

Dharana (concentrazione)

  1. Adesso concentrati con tutta la mente nel punto che sta al centro della tua testa. Percepisci questo punto.
  2. Immagina che ad ogni inspirazione questo punto assorba energia da tutto intorno e ad ogni espirazione questa energia torni all’esterno portando via tutte le tensioni emotive, le paure, l’ansia ecc. ecc.
  3. Continua ad immaginare questo flusso di energia per un paio di minuti

Japa Kriya (ripetizione del mantra)

  1. Comincia ad introdurre il Mantra: ad ogni inspirazione ripeti mentalmente BABANAM
  2. Ad ogni espirazione ripeti KEVALAM
  3. Ad ogni respiro mantieni la tua mente sul significato del Mantra (tutto è amore infinito)
  4. Ogni volta che ti distrai, semplicemente riporta la tua mente alla ripetizione del Mantra e mantieni l’ideazione1 sul suo significato.
  5. Cerca di restare più a lungo possibile in questa ultima fase e poi quando sei stanco/a e decidi di concludere, apri dolcemente gli occhi e cerca di portare la tranquillità della meditazione con te durante la giornata.

Argomenti Trattati nel Corso di Meditazione

  • Introduzione al Corso
  • Il corpo, la mente e livelli della mente
  • Il Mantra e la Meditazione
  • Il Tantra e le 5 Meditazione base
  • Alimentazione e Digiuno
  • Brahma Chakra (il ciclo della creazione) + i Sette Chakra
  • Amici e Nemici
  • Guru (maestro spirituale) e Etica Yogica

 

Insegnanti

Shubha Satyaranjan

Read 22758 times Last modified on Mercoledì, 20 Settembre 2017 15:33